22 settembre 2014

Taste of Roma 2014


In certe occasioni è bene che a parlare siano gli scatti! Tre giorni di Taste per gli amanti del gusto, in una cornice mozzafiato. L'auditorium di Roma, l'Arte che si sposa con il Gusto: così gli chef in apertura hanno presentato queste giornate. Il buono e il bello che cerchiamo in una portata, si elevano ad esperienze e a nuove emozioni, se gustate in un luogo perfetto come questo.



Grazie all'accoglienza Electrolux noi foodbloggers abbiamo potuto scoprire un percorso gustativo di eccellenza e avvicinarci all'arte culinaria mettendo le mani in pasta insieme agli chef Lele Usai e Maurizio Marrocco.
Cooking lab nelle postazioni Electrolux con lo chef  Lele Usai

Assaggiare le delizie del Maestro dei Maestri, Heinz Beck, simpatico e alla mano, 
emozionarsi per un piatto - anzi due - che non si raccontano a parole. 
Il silenzio è qui d'obbligo.

Heinz Beck - Anche gli Dei mangiano...



Degne di menzione le proposte del simpaticissimo chef Roy Caceres del Ristorante Metamorfosi


I piatti di Cristina Bowerman, l'Elfo irresistibile, che sembra provenire dai film di Tim Burton,
 dei Ristoranti Glass Hostaria e Romeo


E dulcis in fundo il meraviglioso Tiramisù dello chef Fabio Ciervo della Terrazza dell'Eden. 
Un croccante perfetto, che racchiude una crema tiramisù di consistenza fredda simile ad un gelato, la menta e il cacao eccellenti; ..."ogni cosa deve stupire e non annoiare e sue sono le parole "Mi raccomando, mangiatelo con le mani!" 
Secondo voi cosa abbiamo fatto?...Obbedito al Maestro ovvio! 
Fabio Ciervo - Executive chef della Terrazza del'Eden 


L'unico rimpianto è che sia finito!
Al prossimo Anno!

Mony





17 settembre 2014

Fluffosissima al cacao e Marple Syrup



Dolci gusti è tornata! 

Sì,  a volte lo fanno...


Mi siete mancati più voi a me che io a voi, sicuramente.
Ma il motivo o i motivi possono essere tanti.

Lo stordimento per un figlio di 17 anni partito per un anno negli States,

Le due ragazze americane che ora vivono con noi,
(Anne dal Canada mi ha fatto omaggio del Marple Syrup) 
adorabile latta dal look retrò...

il mac che mi ha perso tutte le foto

non che mi senta una fotografa, ma insomma il lavoro dietro c'è;

E ultimo ma non meno importante il viaggio stratosferico 

in Thailandia che mi ha regalato uno stato mentale parallelo

dal quale non riesco ad uscire completamente.
Per fortuna direi...

Comunque riprendo da qui,
dalla mia Fluffosa, che tante di voi hanno rifatto con grande soddisfazione
al grido di OGGI SI FLUFFA
con una variante meritevole di assaggio!

Ed è Glutenfree




Ingredienti per lo stampo da chiffon cake da 24 cm:


  • 300 g di zucchero a velo
  • 200 g di farina di riso
  • 100 di cacao amaro di buona qualità (io Pernigotti)
  • 7 uova bio
  • 5 cucchiai di sciroppo d'acero
  • 130 g di olio di semi
  • 190 g di acqua frizzante fredda
  • 1 bustina cremor tartaro
  • 1 bustina di lievito
  • un pizzico di sale




Separate i tuorli dagli albumi. 
In una ciotola capiente setacciate lo zucchero a velo con la farina, il lievito, il sale e il cacao. 
Pesate in un bicchiere da minipimer - o in una brocca - l'olio insieme all'acqua ed emulsionateli con lo sbattitore ad immersione. 
Fate un buco al centro delle polveri setacciate e inserite l'olio emulsionato, i tuorli e mescolate con una frusta a mano fino ad ottenere un composto liscio. Ci vuole un secondo! 
Montate gli albumi a neve ferma con la bustina di cremor tartaro (sono circa 8 grammi) e due tre gocce di limone. 
Inseriteli nel composto e mescolate con la frusta. Aggiungete uno alla volta i cinque cucchiai di sciroppo d'acero e mescolate.
Versate nell'apposito stampo da chiffon cake e cuocete in forno preriscaldato a 150° per 1' e 15'. Dopo qualche minuto sfornate la fluffosa e capovolgete lo stampo sui suoi piedini. Lasciate freddare da 2 a 12 ore.
Spolverizzate con zucchero a velo.


Ecco cosa ha detto chi l'ha assaggiata:
DOLCE FANTASTICO, mangiandolo ti torna la felicità... 
Grazie mille x avermi portato la torta froufrou di Monica.
Pauline



Beh che dire 

That's why I love baking



Osservazioni sulla cottura e gli ingredienti: come avrete già provato, molti ingredienti che si inseriscono nella fluffosa determinano un abbassamento alla crescita esagerata di questa torta. 
Tutto quello che appesantisce dal cocco al cacao alle zucchine (sì l'hanno fatta anche con le zucchine) non fa lievitare la torta come quando si prepara la classica al limone o all'arancio. 
Quindi in questi casi, per aiutarla, cercate di alleggerire il peso degli altri ingredienti: utilizzate ad esempio lo zucchero a velo, l'acqua come liquido e optate per una cottura più lunga a 150° invece che a 165 e poi 175°. Questo permetterà un'accurata cottura di tutta la fluffosa senza asciugarla. Lo sciroppo d'acero elimina qualsiasi traccia di uovo e dona lucentezza all'impasto come fosse una immensa ganache:) 

Al boccone sembra un cioccolatino che si scioglie.


Ben trovati a tutti!

Alla prossima

Mony



30 luglio 2014

Street Food d'autore al Gambero Rosso


Qualcuno una volta ha detto
'Cosa c'è di meglio che mangiare?'
'Mangiare con un'amica.' 

E io rilancio.
'E cosa c'è di meglio che mangiare con un'amica?'
'Cucinare con un'amica.' Ovvio... Bloggallina per giunta!